I colori, un vizio inutile

khahalla

Ho deciso essere i colori un vizio inutile per l’umanità già distratta.

Una mosca perde significato a colori. Una mosca è nera, grigia o bianca e da sempre fastidio. Il colore del fastidio da questo momento si chiamerà: “color Mosca”. Ora tutti capiranno se esordirò dicendo -Ho incontrato un signore color mosca!-. Altre sfumature si possono trovare nel colore delle lucciole. Molte belle fanciulle hanno il colore delle lucciole, spesso anche la stessa facoltà di eloquio. La nostra società ha anche i bruchi, quelli che stanno fasciati nelle bende di paranoie fisse o atteggiamenti fossili. La polizia ha la stessa funzione delle api. Ogni creatura trova il proprio grigio, nel mondo dove Gianni distratto si scorda i colori sul fuoco e capisce di aver risparmiato solo il nero.

Ho deciso essere i colori un vizio inutile per l’umanità già distrutta.

Precedente Nullantropia Successivo L'erudizione delle Talpe

Lascia un commento


*